"Ecco, com'è bello e com'è dolce che i fratelli vivano insieme!"

Oratorio e GREST

oratorioL’Oratorio è un luogo di aggregazione, di gioco, di celebrazione, un luogo in cui si fa amicizia, si prega insieme, un luogo fatto di gioia e di persone che si mettono a disposizione dei più piccoli.

È difficile racchiuderlo in un’unica definizione, ma quella che più gli si addice è sicuramente quella che lo identifica come un “laboratorio di vita” dove vengono messi insieme gli elementi educativi per la crescita globale del ragazzo. È un luogo in cui il bambino cresce grazie agli stimoli che riceve confrontandosi con i suoi coetanei, seguito e accompagnato dai catechisti che mediano il confronto e  hanno la missione di annunciare la Parola di Gesù, leggendola, spiegandola e trasmettendola attraverso attività ludico-ricreative; il bambino è infatti la “cassa di risonanza” che i catechisti utilizzano per far risuonare la Parola. Il metodo utilizzato dai catechisti dell’Oratorio San Gaudenzio è quello del Centro Oratori Romani, fondato da Arnaldo Canepa nel 1945. Il Centro Oratori Romani è un’associazione di catechisti laici, volontari, che operano per promuovere la pastorale oratoriana a Roma. Il metodo COR si pone come finalità religiose e sociali la promozione di un servizio di accoglienza tra i ragazzi nelle parrocchie di Roma attraverso uno stile di animazione del tempo libero con attività sportive, teatrali, culturali e ricreative, finalizzato alla integrazione, nella quotidianità, tra fede e vita. A servizio delle parrocchie, l’associazione offre sostegno nella formazione dei catechisti/animatori, nell’organizzazione dell’oratorio feriale e festivo, nel suggerimento di programmi e metodi, nella sperimentazione di iniziative educative, nella promozione della cooperazione e solidarietà tra oratori. (Fonte: www.centrooratoriromani.org)

I catechisti e animatori dell’Oratorio San Gaudenzio seguono i bambini e ragazzi, suddivisi in gruppi in base alle età, durante i vari giorni della settimana e specialmente la domenica, giorno del Signore, in cui si partecipa alla Santa Messa tutti insieme, per poi santificarlo con l’attività festiva, momento di gioco dalle ore 11:00 alle ore 12:00, dopo la celebrazione delle ore 10:00, che si conclude con una preghiera in cerchio in cui vengono invitati anche i genitori a partecipare.

***

BambiniLa sigla “Grest” sta per Gruppo Estivo, perché si svolge nella prima parte dell’estate durante il mese di giugno ed è rivolto a tutti i bambini e ragazzi, dalla prima elementare alla terza media. È un’esperienza di crescita e anche divertimento in cui i bambini sono accompagnati, all’interno dei luoghi della parrocchia, dagli animatori e  catechisti dell’Oratorio, dal parroco e dalle suore nella conoscenza di Gesù e nella crescita personale; insomma un’esperienza da vivere per poter essere compresa fino in fondo! Tutto il Grest ruota intorno ad una storia, che generalmente è un cartone o un film d’animazione e dal quale si estrapolano dei temi per ogni giornata.

I catechisti e gli animatori durante la preparazione di questo percorso di 3 settimane si impegnano a creare momenti di gioco, ma soprattutto a trasmettere dei valori, facendo in modo che il grest non sia un “parcheggio” per i bambini che vi partecipano, ma un momento di vita vissuta significativo. Durante questo percorso bambini e ragazzi sono coinvolti in: gite e attività all’esterno della parrocchia, giochi a squadre e non, attività ludico-ricreative per conoscere Gesù giocando ed esprimere la loro personalità, momenti di riflessione e comunione, laboratori manuali di gruppo per sviluppare creatività ed apprendere la condivisione delle cose. L’insieme di tutte queste attività diversificate tra loro, ha lo scopo di trasmettere quanto è bello stare insieme e mettersi al servizio del prossimo, trasmettere entusiasmo e perseveranza in ciò che si fa e permette ai piccoli protagonisti del progetto di divertirsi ed esprimere la loro vivacità nel rispetto delle regole e dei compagni di gioco. Inoltre il Grest è un progetto che cerca di creare un “filo” tra i catechisti e le famiglie, essendo impegnate entrambe le parti per un unico scopo: tirare fuori il meglio dal bambino e trasmettergli i valori che formeranno la sua persona durante il percorso di crescita; anche per questo motivo, infatti, l’ultima giornata di Grest è sempre dedicata alla preparazione di un piccolo spettacolo e a seguire un momento di festa tutti insieme, per mostrare ai genitori ciò che è stato realizzato durante le tre settimane trascorse.